Category Archive: Fondazione di Comunità di Messina

  1. Da Padova un prestigioso riconoscimento per la Fondazione di Comunità di Messina

    Leave a Comment

    La Fondazione di Comunità di Messina ha ricevuto sabato 2 dicembre a Padova il “Premio Gattamelata 2017”, riconoscimento nazionale per la promozione della cultura e della pratica del volontariato e della solidarietà.
    Il premio, giunto alla tredicesima edizione, è promosso dal Centro Servizio Volontariato provinciale di Padova per insignire quattro categorie di soggetti che si sono distinti negli ultimi 12 mesi per l’attività di impegno sociale e di solidarietà. La Fondazione di Comunità è stata premiata per la categoria “Impresa Sociale” con questa motivazione: La Fondazione è uno dei più interessanti casi mondiali di sperimentazione di modelli di welfare e sviluppo locale. Nasce per elaborare, promuovere e sperimentare nuovi approccio economico-sociali capaci di andare oltre i paradigmi dominanti che guardano all’uomo come ad una macchina razionale perfettamente egoista.
    La cerimonia di conferimento del “Premio Gattamelata 2017” si è tenuta all’interno dell’evento “L’essenziale è invisibile agli occhi – presentazione del rapporto annuale del volontariato padovano” che ha ospitato la lectio magistralis del Segretario Generale della Fondazione di Comunità di Messina, Gaetano Giunta, dal titolo “Le nuove forme di prossimità – una lettura innovativa dell‘impegno sociale”.

  2. Sostenere la solidarietà verso i rifugiati e i richiedenti asilo. Le fondazioni di comunità europee si incontrano a Messina

    Leave a Comment

    Giovedì 5 e venerdì 6 ottobre, il Global Fund for Community Foundations (GFCF), in collaborazione con Assifero- l’associazione italiana degli enti filantropici, ECFI- European Community Foundation Inititiative e l’Open Society Initiative for Europe, ospita presso la Fondazione di Comunità di Messina un incontro europeo di due giorni.

    L’incontro europeo delle fondazioni di comunità provenienti da 7 paesi europei (Bulgaria, Germania, Italia, Regno Unito, Romania, Serbia e Ungheria) è dedicato a condividere esperienze, promuovere maggiori investimenti e mettere in luce il ruolo che la filantropia di comunità vuole avere nell’inclusione dei rifugiati e richiedenti asilo in Europa, affrontando anche i timori, le paure e il risentimento dei cittadini.

    Di fronte ai richiedenti asilo che fuggono dai propri paesi di origine a causa di conflitti, violenza, povertà estrema, gli enti del terzo settore a livello locale rivestono un ruolo decisivo non solo nell’accoglienza, ma nel favorire l’inclusione di rifugiati e richiedenti asilo e nel costruire fiducia nelle comunità ospitanti.

    Secondo l’Unione Europea solo nel 2015 e nel 2016 più di 2,5 milioni di persone hanno fatto richiesta di asilo. Molti rischiano la vita per fuggire dal proprio paese, e il numero delle persone che muoiono attraversando il Mediterraneo è impressionante. Solo nei primi 6 mesi del 2017 si stima che siano morte 2257 persone. Per la maggior parte dei richiedenti asilo che fanno richiesta dello status di rifugiati, la procedura può durare più di un anno.

    Mentre sono molte le comunità in Europa che si prodigano per aiutare rifugiati e richiedenti asilo, sono ancora di più quelle in cui crescono tensioni sociali, risentimento e xenofobia.

    La migrazione è stata giudicata come la priorità assoluta nei risultati dell’indagine dell’Eurobarometro 2016, facendo emergere la necessità di aumentare gli sforzi locali finalizzati promuovere inclusione e convivenza felice.

    Nel 2017 l’Open Society Initiative for Europe e il GFCF hanno lanciato un bando per supportare le fondazioni di comunità nel loro lavoro con i rifugiati. Il primo bando è stato assegnato a sette fondazioni di comunità per azioni locali volte a promuovere l’inclusione e il riconoscimento da parte dell’opinione pubblica del contributo positivo dei nuovi arrivati per le loro comunità.

    “Questa iniziativa mira a rafforzare la rete delle fondazioni di comunità in Europa che lavorano con i rifugiati, incoraggiando il reciproco apprendimento per costruire uno zoccolo duro di conoscenze in grado di rendere la risposta della filantropia di comunità più efficace”, ha detto Jenny Hodgson del Global Fund for Community Foundations. “Siamo consapevoli che si tratta di un argomento di grande attualità e complessità e vogliamo estendere la rete delle fondazioni di comunità impegnate per l’inclusione di rifugiati e richiedenti asilo nelle comunità”.

    “Siamo entusiasti di essere parte di questa iniziativa volta a rafforzare il contributo delle fondazioni di comunità alla creazione di un’Europa più inclusiva”, ha detto Andreas Hieronymus dall’Open Society Initiative for Europe. “Vogliamo contribuire a costruire le condizioni che consentano di rispettare i diritti fondamentali, promuovere la solidarietà e includere i nuovi arrivati”.

    Negli ultimi dieci anni il numero e la capacità delle fondazioni di comunità sono cresciuti in Europa, e oggi svolgono un ruolo importante nelle comunità locali nell’affrontare le grandi sfide sociali e culturali dell’attualità, promuovendo sviluppo umano e sostenibile. Oggi sono 670 le fondazioni di comunità in 27 paesi europei.

    “Come associazione italiana delle fondazioni e degli enti filantropici, che riunisce le fondazioni di comunità italiane, conosciamo il valore di lavorare con le comunità locali per incoraggiare iniziative sui territori che promuovano la fiducia”, ha dichiarato Carola Carazzone, Segretario Generale di Assifero. “Non c’è dubbio che il flusso di richiedenti asilo verso le nostre spiagge abbia generato ansia. Fondamentale dunque lavorare per potenziare le iniziative che nascono nelle comunità per superare la sfiducia e incoraggiare dialogo, comprensione reciproca e inclusione”.

    Durante il convegno i partecipanti vedranno anche come la Fondazione di Comunità di Messina, fondata nel 2010, stia da anni promuovendo percorsi di cooperazione tra la sponda Nord e la sponda Sud del Mar Mediterraneo attraverso la sperimentazione di innovativi processi di accoglienza fondati sul welfare di comunità. Inoltre la Fondazione di Comunità di Messina ha puntato a promuovere una migliore comprensione e un maggior rispetto dei rifugiati nel proprio evento culturale annuale Horcynus Festival, che celebra le culture del Mediterraneo.

    Dichiara Gaetano Giunta, segretario generale della Fondazione di Comunità di Messina: “Siamo in una fase storica in cui le disarmonie globali fra economia, risorse naturali, velocità dei mutamenti, finanziarizzazione dell’economia hanno generato diseguaglianze profonde e disumane e hanno portato il pianeta in pieno mutamento climatico. Questi due fatti generano ogni giorno migrazioni bibliche senza precedenti nella storia dell’umanità. C’è un bisogno non rinviabile di una metamorfosi dei paradigmi sociali, culturali, economici, politici. Compito delle Fondazioni di Comunità è quello di ricercare e sperimentare processi di trasformazione a partire dalle politiche di accoglienza e di cooperazione tra i popoli”.

    Per maggiori informazioni contattare

    Carola Carazzone, Segretario Generale, Assifero, c.carazzone@assifero.org, +39.349.250.1973

    Organizzatori:

    Assifero è la rete nazionale delle fondazioni ed enti filantropici privati. Fondata nel 2003, attualmente sostiene quasi 100 fondazioni private, di famiglia, corporate e di comunità. Ha come obiettivo quello di essere un partner strategico dello sviluppo umano sostenibile per l’italia, contribuendo a rendere la filantropia italiana più informata, connessa ed efficace.

    Fondazione di Comunità di Messina costituita nel 2010 per promuovere sviluppo umano e sostenibile a Messina, città stretta da anni nella trappola di povertà. La Fondazione sperimenta un nuovo modello di politiche sociali, strettamente interrelate con l’economia sociale e produttiva. Il modello sperimenta paradigmi socio-economici che partendo dai diritti fondamentali delle persone più deboli ampliano le loro capacità, contemporaneamente alla sostenibilità ambientale.

    Global Fund for Community Foundations è un movimento locale che indice bandi per promuovere e sostenere le istituzioni della filantropia istituzionale nel mondo. Tramite piccoli bandi, supporto tecnico e di rete, aiuta queste istituzioni locali a rafforzarsi e a crescere, affinché possano mettere in atto il loro potenziale come strumenti di sviluppo locale e come infrastruttura per lo sviluppo sostenibile, la riduzione della povertà e la cittadinanza attiva.

    Open Society Initiative for Europe ha l’obiettivo di contribuire a costruire democrazie più vibranti e legittimate nell’unione Europea, sostenendo gli attivisti e le organizzazioni della società civile nell’affrontare le sfide europee.

  3. Verso S.E.M.E., il seminario di studi su nuovi modelli di welfare

    Leave a Comment

    Mercoledì 26 luglio, a partire dalle 9.30 e fino alle 17.30, presso il Parco Horcynus Orca di Capo Peloro la Fondazione di Comunità di Messina organizza il seminario di studi intitolato “Verso… la Scuola EuroMediterranea di Economia etica, di Bellezza e di Pace (S.E.M.E.)”.

    Tale seminario si svolge nell’ambito delle attività del Progetto Capacity, co-finanziato dalla stessa Fondazione di Comunità e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito del programma straordinario di riqualificazione delle periferie urbane. Capofila del progetto è il Comune di Messina.

    L’obiettivo della  scuola, promossa dalla Fondazione messinese e dalle principali reti dell’economia sociale e della finanza etica europea, è formare una classe dirigente pubblico-privata capace di sperimentare sui differenti territori del bacino del Mediterraneo e dei Sud del mondo nuovi paradigmi economico-sociali insieme produttivi, inclusivi e giusti.

    Così presenta S.E.M.E. il segretario generale della Fondazione di Comunità di Messina, Gaetano Giunta: “Le contraddizioni ormai irreversibili fra bisogno di sopravvivenza e di felicità dei popoli e le forme più aggressive e ingiuste sviluppate dal capitalismo finanziario globale impongono una metamorfosi dei paradigmi sociali, economici, culturali e ambientali. S.E.M.E. di Bellezza e di Pace avrà il compito ambizioso di rintracciare nel mondo pratiche virtuose proiettate verso un futuro sostenibile e operare per il cambiamento e il mainstreaming a livello internazionale. La scuola avrà una struttura a rete ma il suo baricentro e la sede principale sarà Messina”.

    “Questo seminario – aggiunge Antonina Santisi, assessora alle Politiche Sociali del Comune di Messina – ci permette di approfondire la conoscenza di modelli socio-economici, e più in generale di modelli di relazioni tra le persone, a cui deve tendere il welfare cittadino per restituire libertà e autonomia ai nostri concittadini più fragili. Avverto un forte senso di responsabilità, ma anche la consapevolezza del valore dell’occasione che tutti abbiamo, nella possibilità di effettuare una sperimentazione concreta nella nostra città dei modelli che saranno presentati nel corso del seminario nell’ambito di un progetto di grande importanza come Capacity”.

    Nella giornata interverranno fra gli altri, oltre ai rappresentanti dell’amministrazione comunale di Messina e al segretario generale della Fondazione di Comunità che avrà il compito di introdurre una nuova visione possibile su sviluppo locale e welfare di comunità, Rainer Schlüter, co-fondatore della piattaforma europea della cooperazione e della Rete Europea di Città e Regioni per l’Economia Sociale REVES, Carlo Borgomeo, Presidente della Fondazione con il Sud, Fabio Salviato, Presidente di SEFEA Impact, Paolo Bracaglia, Direttore Generale Credito cooperativo Valdarno Fiorentino, Felice Scalvini, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Brescia e presidente di REVES, Emanuele Crescenti, Procuratore Capo di Barcellona P.G., Antonino Ciraolo e Gaspare Motta, Dipartimento di Salute Mentale  – ASP Messina ed Angelo Righetti, Fondazione di Comunità di Messina e Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri.

    Pur avendo carattere di approfondimento e di studio, il seminario è aperto a chi volesse partecipare attivamente.

  4. Summer school, i 18 studenti ammessi e l’elenco dei docenti

    Leave a Comment

    Ecco l’elenco dei 18 studenti ammessi alla III edizione dell’Horcynus Summer School in “Conservazione e Restauro delle opere d’arte contemporanee”, diretta da Gianfranco Anastasio.

    Laureati di I e II livello ammessi  all’Horcynus Summer School

    Bono Pamela

    Fallacara Annamaria

    De Francisci Giorgio

    Ieni Laura

    Meli Costanza

    Melluso Arianna

    Papa Gabriella

    Pellicanò Riccardo

    Sciortino Vincenza

    Russo Giulia Savia

    Studenti di I e II livello ammessi all’Horcynus Summer School con crediti formativi riconosciuti (CFU)

    Alaimo Paola Miriam

    Denaro Elisabetta

    Di Paola Rosario

    Fortuna Valeria

    Labate Giorgia

    Mannino Gaetano

    Rausa Pietro

    Vadalà Smeralda

    I candidati che non sono rientrati nelle 18 borse di studio previste potranno partecipare alle lezioni frontali che si terranno come da calendario che sarà pubblicato nei prossimi giorni.

    (altro…)

  5. Menzione per la Fondazione al Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa

    Leave a Comment

     

    Il Ministero dei Beni Culturali premia l’azione di valorizzazione e risanamento di Capo Peloro, Forte Petrazza e Palazzo Biscari

    Nella Giornata Nazionale del Paesaggio, celebrata il 14 marzo, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali ha premiato la Fondazione di Comunità di Messina per il progetto “Sviluppo è coesione e libertà”, presentato dalla Fondazione nell’ambito del Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa. Il progetto ha ricevuto la menzione tematica nella sezione “Gestione economica dei valori territoriali”. La menzione è stata assegnata per “aver avviato e completato in poco più di sei anni alcuni interventi di risanamento in aree di grande pregio archeologico, storico- architettonico e paesaggistico”. Novantasette i progetti pervenuti ritenuti ammissibili.

    “Questa è una menzione per tutti gli uomini e le donne che lavorano e donano il loro tempo nel Distretto Sociale Evoluto – ha dichiarato il Segretario Generale della Fondazione di Comunità di Messina Gaetano Giunta – Una menzione alla ricerca continua, faticosa e coerente di giustizia, bellezza e liberazione. Una menzione alla consapevolezza che questo itinerario di ricerca impone di riscrivere e sperimentare paradigmi economici che siano inclusivi e che valorizzino e non consumino i Beni Comuni. La valorizzazione di Capo Peloro, il processo di risanamento di Forte Petrazza, il percorso di rifunzionalizzazione di Palazzo Biscari di Mirabella Imbaccari e l’avvio della rigenerazione sociale di Fondo Saccà che presto vedrà compimento – conclude Gaetano Giunta – sono alcuni segni di questa storia”.

    Ecco gli interventi di risanamento e valorizzazione presentati dalla Fondazione
    MACHO Forte Petrazza Parco HorcynusOrca Mirabella

  6. Ciak per “Primula Rossa”, il film che racconta la liberazione dall’OPG

    Leave a Comment

    Sono in corso dal 26 gennaio e si concluderanno il 22 febbraio le riprese del lungometraggio Primula Rossa, una coproduzione di Radical Plans, della Fondazione di Comunità di Messina, della Fondazione Horcynus Orca, di Ecos-media (casa di produzione cinematografica di Ecos-med), di Mana Chuma Teatro e di Talento Dinamico.

    Il film, cofinanziato dalla Film Commission della Regione Siciliana, è ispirato a una vicenda vera, la storia di Ezio Rossi, interpretato dall’attore messinese Salvatore Arena, ex terrorista dei NAP (Nuclei Armati Proletari), che ha passato gran parte della sua vita tra il carcere e l’Ospedale Psichiatrico Giudiziario (OPG). Il racconto della vita di Ezio, nella fiction Ennio, si intreccia con quella di altri internati dell’OPG e trova una possibilità nell’incontro con lo psichiatra Lucio, interpretato dall’attore catanese David Coco.

    Salvatore Arena interpreta Ennio, il personaggio ispirato alla vicenda di Ezio Rossi

    Primula Rossa ha l’obiettivo di valorizzare l’esperienza di un programma fortemente innovativo di welfare comunitario, Luce è Libertà, finanziato dalla Fondazione di Comunità di Messina e sostenuto, esclusivamente nella fase d’avvio, dalla Cassa delle Ammende del Ministero della Giustizia e dall’Assessorato alla Sanità della Regione Siciliana, che ha permesso di liberare in soli due anni 60 persone dall’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Barcellona P.G. (Messina) attraverso progetti personalizzati di espansione delle libertà individuali, intrecciate con storie di sviluppo locale. Molte di loro, in ruoli diversi, sono impegnati nella produzione cinematografica.

    «Primula Rossa – sottolinea il segretario generale della Fondazione di Comunità di Messina, Gaetano Giunta – è l’occasione per ripercorrere quarant’anni di storia contemporanea: dagli anni di piombo fino all’attualissima questione relativa al superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari. Quarant’anni di snodi cruciali per l’Italia, visti a partire dalla prospettiva degli ultimi. Le storie di persone così radicalmente escluse reclamano nuovi orizzonti economico-sociali più umani, capaci di prendersi cura e accompagnare le metamorfosi possibili di ogni persona, specie delle persone più fragili. Proprio per questa tensione il film, che avrà un forte carattere poetico-filosofico, si pone le stesse domande su cui da anni ricerca e sperimenta la Fondazione di Comunità di Messina».

    Alla lavorazione di Primula Rossa partecipano oltre 100 persone di cui circa 90 residenti in Sicilia. Tra la Sicilia e l’area dello Stretto di Messina, nei luoghi del Distretto Sociale Evoluto, prende corpo la produzione del film. Si gira a Casalvecchio Siculo, a Longi, a Mistretta e a Messina (Forte Petrazza, Parco Horcynus Orca, Palazzo dei Leoni e Liceo Ainis le location). Coerentemente con la scelta di impegno civile della produzione, gli incassi del film saranno destinati, al netto delle spese, a sostenere i progetti evoluti di lotta alla povertà della Fondazione di Comunità di Messina e più in particolare a sostenere i progetti personalizzati di liberazione degli ex internati dell’Ospedale Psichiatrico di Barcellona P.G.

    David Coco e Franco Jannuzzi

    David Coco e Franco Jannuzzi

    La regia di Primula Rossa è affidata al direttore artistico dell’Horcynus Festival, Franco Jannuzzi. Massimo Barilla ha scritto la sceneggiatura con la collaborazione di Paola Baroni, Paolo Benvenuti, Gaspare Motta, Angelo Righetti, Giancarlo Cavallaro, Franco Jannuzzi e Gaetano Giunta. Il direttore di Produzione è Giacomo Farina. Nel cast, insieme a Salvatore Arena e David Coco, Roberto Herlitzka, Fabrizio Ferracane, Maurizio Marchetti, Annibale Pavone, Gianni Fortunato Pisani, Marina Sorrenti, Mariano Nieddu, Giovanni Moschella, Angelo Campolo, Donatella Venuti, Luca Fiorino, Antonio AlvearioGianfranco Quero, Giovanni Maria Currò, Mauro Failla, Domenico Cucinotta e Ylenia Desiree Zindato. Luca Coassin è il direttore della fotografia. L’operatore è Natale Crisarà. Le musiche originali della colonna sonora sono di Luigi Polimeni e Maurizio “Nello” Mastroeni (Kunsertu). Giuppi Sindoni e Aldo Zucco curano le scenografie in collaborazione con l’Accademia delle Belle Arti di Catania. La costumista è Francesca Gambino, la truccatrice Angela Gugliotta, il fonico Andrea Di Maio. L’aiuto regista è Nicolò Mazza De Piccioli.

    Nella troupe anche: Claudio Zangari (assistente dell’operatore), Roberto Attanasio (attrezzista), Mario Molinaro (aiuto attrezzista), Renato Vadalà (capo elettricista), Luciano Muscianisi (aiuto capo elettricista),  Federico Farina (microfonista), Giovanna Verdelli (assistente della costumista), Laura Ugdulena (assistente di produzione), Steve Flamini (segretario di edizione), Giorgio Rudilosso (assistente aiuto regista), Antonino Viola e Roberto di Paola (assistenti di scenografia), Domenico Calcagno (runner), Annarita Sottile e Maurizio Gravagna (addetto al catering), Lino Monteleone e Letizia Sindoni (direzione amministrativa).

  7. Da Messina alle periferie del mondo, l’internazionalizzazione della Fondazione

    Leave a Comment

    E’ stata annunciata nell’ambito della prima giornata dell’Horcynus Festival 2016 autunnale la svolta internazionale della Fondazione di Comunità di Messina che, a partire dal 14 e 15 dicembre, avvierà il processo per ampliare il suo raggio d’azione dal Mediterraneo al mondo intero. «Il programma culturale dell’Horcynus Festival 2016 contribuisce a costruire una relazione organica e strutturale con Cuba – annuncia il segretario generale della Fondazione di Comunità di Messina Gaetano Giunta – che anticipa la metamorfosi della Fondazione e di tutto il Distretto Sociale Evoluto, di cui la Fondazione Horcynus Orca fa parte. La Fondazione di Comunità di Messina si sta trasformando nella Fondazione delle comunità delle periferie del mondo. Periferie esistenziali e geografiche dove risulta vitale sperimentare nuovi paradigmi integrati di sviluppo economico e umano che declinano il bisogno irrisolto di libertà, eguaglianza, giustizia e rispetto dell’ambiente di cui ha sete gran parte dell’umanità. Nel dettaglio, la Fondazione di Comunità di Messina si riorganizzerà come un cluster di fondi che nascono per gemmazione. L’importanza di scegliere territori con economie e società in transizione come Cuba e alcune aree del nord del Brasile, è evidente. Ciascun fondo mirerà a promuovere sui territori di competenza o sugli ambiti esistenziali individuati, sviluppo umano favorendo la creazione di interconnessioni feconde fra sistema di welfare, sistema culturale, sistema produttivo, programmi di ricerca e di trasferimento tecnologico finalizzati al potenziamento di economie civili inclusive, azioni mirate all’attrazione di talenti creativi e scientifici. Contestualmente, la nuova fondazione delle periferie favorirà l’apertura dei sistemi locali, promuovendo scambi di conoscenze, di risorse umane ed economiche fra i differenti territori e ambiti, sostenendo così processi di internazionalizzazione che vadano nella direzione di considerare il pianeta la terra / patria di tutti».

    La relazione della Fondazione con Cuba nasce a partire dalla collaborazione culturale inaugurata, nell’ambito dell’Horcynus Festival, con la Fábrica de Arte Cubano, spazio culturale multidisciplinare per arti visive, cinema, danza, musica, disegno industriale, grafica, architettura, letteratura e teatro. Un luogo di incontro tra le arti ma anche tra Cuba e i movimenti artistici mondiali, nato dalla riconversione di un vecchio stabilimento industriale, elemento centrale in un progetto che interpreta l’arte come strumento per la crescita e il cambiamento socio-culturale. A rappresentare la F.A.C. all’Horcynus Fest è Maysel Bello Cruz, regista e responsabile comunicazione del centro, curatore della selezione delle opere che costituiscono il nuovo archivio visivo di cinematografia e video arte cubana acquisito dalla Fondazione Horcynus Orca.


     

    La Fábrica de Arte Cubano

    f-a-c

    La Fábrica de Arte Cubano celebra la multiforme cultura dell’isola attraverso un mix di spettacoli di musica dal vivo, intrattenimento, mostre d’arte, sfilate di moda, cinema. Fondata dal musicista e compositore Equis Alfonso (X-Alfonso), con il sostegno del Ministero della Cultura di Cuba, la F.A.C. è situata in uno stabilimento industriale abbandonato di inizio secolo, che dopo aver accolto la sede della società elettrica, una fabbrica d’olio e vari magazzini, è stata riconvertita in spazio culturale multidisciplinare per arti visive, cinema, danza, musica, disegno industriale, grafica, architettura, letteratura e teatro. Gli spazi multifunzionali di cui si compone, in cui si mescolano forme espressive diverse, la rendono un luogo di fruizione artistica contemporanea non convenzionale, molto diverso da gallerie e musei. Ogni anno la F.A.C. ospita importanti eventi culturali come la Mostra dei giovani registi, l’Avana World Music, festival internazionale di teatro, cinema e jazz, nonché eventi culturali di varie nazioni dell’America Latina e dell’Europa.

    Nei suoi primi due anni di vita l’edificio, riqualificato secondo le norme dell’architettura green, è diventato un emblema delle possibilità di riconversione del patrimonio industriale per finalità culturali e sociali. Per questo negli ultimi tempi il progetto, avviato nel 2013 dal musicista e artista audiovisivo cubano X Alfonso, è stato al centro dell’attenzione di studiosi provenienti da tutto il mondo. Ma non è solo arte quella che si respira alla F.A.C. Coerentemente con la filosofia che ha ispirato la sua nascita, legata allo sviluppo sostenibile e all’economia sociale e solidale, ogni estate il centro culturale diventa una scuola per la comunità vicina: giovani docenti laureati nelle accademie d’arte tengono laboratori creativi gratuiti per bambini e adolescenti di età compresa tra 7 a 17 anni. Inoltre, la prima domenica di ogni mese si organizzano attività per bambini e il mercoledì si aprono le porte della Fábrica fino a mezzanotte per offrire agli adolescenti dai 12 ai 17 anni uno spazio protetto per la musica, il cinema e la videoarte.

    «La F.A.C. – spiega Maysel Bello Cruz – è diventato negli anni il centro culturale più importante del paese. Tante personalità internazionali, primi ministri, first ladies, artisti sono venuti a visitarla. E’ un’isola dentro l’isola, epicentro e luogo d’incontro di artisti cubani che si ritrovano in questo centro culturale del Ministero della Cultura, molto diverso da musei e gallerie, dove si respira arte in ogni forma. Ci autososteniamo con il costo dei biglietti d’ingresso ma caffè e bar interni sono gestiti da privati, secondo un modello economico misto innovativo per Cuba. Un’altra novità è che tutta l’amministrazione della fabbrica è in mano agli artisti, non affidata a burocrati».

     

  8. In SudAfrica per il Summit Globale della Filantropia di Comunità

    Leave a Comment

    È in programma a Johannesburg l’1 e 2 dicembre il primo Global Summit della Filantropia di Comunità, promosso dal Global Fund for Community Foundations e dalla Global Alliance for Community Philanthropy. La Fondazione di Comunità di Messina partecipa insieme alla delegazione italiana, composta da 14 membri, grazie all’invito ricevuto da ASSIFERO, l’Associazione nazionale delle Fondazioni e degli Enti della Filantropia Istituzionale nonché membro dell’Advisory Commitee dell’iniziativa, e al contributo di Compagnia di San Paolo, Fondazione Cariplo e Fondazione con il SUD. Oltre a Messina, sono presenti a Johannesburg: Fondazione di Comunità del Canavese, Fondazione di Comunità Comasca, Fondazione di Comunità di Mirafiori, Fondazione di Comunità Nord Milano, Fondazione di Comunità di San Gennaro, Fondazione di Comunità Ticino Olona, Fondazione di Comunità Monza Brianza, Fondazione di Comunità Salernitana, Fondazione di Comunità Valle d’Aosta, Fondazione di Comunità del Verbano Cusio Ossola.

    Il 2 dicembre, durante la Poster Session prevista dal programma del Summit, la Fondazione di Comunità di Messina presenta la propria storia, il presente e le linee di sviluppo in un intervento intitolato “Development as Cohesion and Freedom”, traduzione inglese del titolo del libro Sviluppo è coesione e libertà che racconta l’esperienza messinese.

    Un racconto in tempo reale del Summit è affidato ai social network grazie all’hashtag #shifthepower che permetterà a chiunque lo voglia di seguire la due giorni per scoprire come le organizzazioni della Filantropia di Comunità stanno “trasformando potere” andando oltre la logica donatore-beneficiario.

  9. Dal 3 al 6 dicembre è ancora Horcynus Fest

    Leave a Comment

    È dedicata a Cuba e all’evoluzione internazionale della Fondazione di Comunità di Messina la sessione autunnale dell’Horcynus Festival 2016 “Isole – Non isole”, in programma da sabato 3 dicembre al Parco Horcynus Orca di Capo Peloro fino a martedì 6 dicembre all’ex hotel Miramare di Reggio Calabria. Ci interrogheremo, come sempre attraverso il peculiare angolo di lettura offerto dalle arti performative, sulla fase storica che sta vivendo Cuba, in piena transizione dopo il voto dell’Onu a sostegno del superamento dell’embargo e la recentissima morte di Fidel Castro.

    «L’Horcynus Festival 2016 – sottolinea il direttore artistico Massimo Barilla – è uno degli eventi storicizzati finanziati quest’anno dalla Regione Calabria. Mentre finora abbiamo lavorato prevalentemente sul Mediterraneo, adesso ci apriamo al mondo, coinvolgendo Cuba e la Fábrica de Arte Cubano, a cui ci accomuna una consonanza di filosofia e approcci che nasce dalla scelta di analizzare molteplici linguaggi artistici, di concentrarci sugli scambi tra arti e culture diverse. Il dialogo con Cuba sarà stabile, non sarà legato esclusivamente a questo momento storico di transizione per l’isola, di cui riteniamo fondamentale discutere».

    «Il programma culturale dell’Horcynus Festival 2016 contribuisce a costruire una relazione organica e strutturale con Cuba – aggiunge il segretario generale della Fondazione di Comunità di Messina Gaetano Giunta – che anticipa la trasformazione della Fondazione e di tutto il Distretto Sociale Evoluto, di cui la Fondazione Horcynus Orca fa parte. La Fondazione di Comunità di Messina si sta, infatti, trasformando nella Fondazione delle comunità delle periferie del mondo per sperimentare, oltre che nell’area dello Stretto, anche in altre parti del sud del mondo, a partire da Cuba e dal nord del Brasile, nuovi paradigmi di sviluppo economico e umano che declinano il bisogno irrisolto di libertà, eguaglianza, giustizia e rispetto degli ecosistemi di cui ha sete l’intero pianeta».

    (altro…)