Category Archive: Fondazione di Comunità di Messina

  1. Imprenditori e sostenibilità. Si può partecipare al Bando fino al 31 maggio

    Leave a Comment

     

    logo_FdC_TESTO_SX Logo Fondazione Trapani_Agrigento Logo_Fondazione C_conTatto web
    FdC_VdN Fondaz_Salernitana san_gennaro Inc_Corr

    Rimangono ancora alcuni posti per partecipare al bando che la Fondazione di Comunità di Messina  ha rivolto ad aspiranti imprenditori e imprese già costituite di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna o Sicilia e dotati di un chiaro approccio alla sostenibilità, al fine di supportarli nella creazione di valore ambientale e sociale per l’intera comunità.

    Nell’ambito di tale bando, fino a oggi la Fondazione ha seguito 15 aspiranti imprenditori e 16 imprese esistenti, mentre una nuova classe con 20 aspiranti imprenditori inizierà il prossimo 10 maggio. Un’iniziativa importante, nella convinzione che l’impatto ambientale e sociale che un’attività imprenditoriale genera sulla comunità sia decisivo per lo sviluppo di entrambe.

    Alcune info per chi volesse candidarsi:

    I soggetti selezionati avranno accesso ad un percorso gratuito che include una formazione sui temi dell’imprenditorialità sostenibile e un coaching personalizzato, che li accompagnerà nel rafforzamento dell’attività imprenditoriale e nel reperimento di risorse finanziarie. Verranno a tal proposito presentati diversi strumenti finanziari, come ad esempio servizi di microcredito, equity crowdfunding e alcune misure agevolative gestite da Invitalia, in particolare “Resto al Sud” e “Italia Economia Sociale”.

    Il percorso fornirà a tutti i partecipanti occasioni di incontro e formazione, opportunità di contatti professionali e di scambio di esperienze, possibilità di fundraising, il coinvolgimento in una rete internazionale di imprenditori promotori di una cultura orientata alla sostenibilità ambientale e alla giustizia sociale. Verranno anche organizzati degli incontri con potenziali enti finanziatori, tra cui la stessa Invitalia.

    Infine, le migliori iniziative imprenditoriali che concluderanno il processo accederanno a un concorso che darà loro la possibilità di vincere una sovvenzione pari a 7.500 €, che potrà essere utilizzata per sostenere lo sviluppo della propria impresa.

    Il percorso potrà essere seguito di presenza, presso la sede della Fondazione a Messina, o online da remoto.

    Il bando è realizzato in attuazione del progetto europeo Green Impact MED (GIMED), di cui la Fondazione di Comunità di Messina è partner, co-finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma ENI CBC Med.

    Nella promozione del bando e nel processo di scouting territoriale dei beneficiari sono coinvolte le seguenti organizzazioni, che sostengono da sempre nei propri territori di riferimento lo sviluppo di un’imprenditorialità pienamente sostenibile:

    – Fondazione Comunitaria di Agrigento e Trapani

    – Fondazione della Comunità Salernitana Onlus

    – Fondazione di Comunità Val di Noto

    – Fondazione di Comunità San Gennaro Onlus

    – Fondazione di Comunità del Salento

    – Fondazione Incontrocorrente

    – ConTatto Aps

    L’iscrizione al Bando avviene esclusivamente online, compilando e inviando, entro le ore 18:00 del giorno 31/05/2021, il modulo disponibile QUI. Il servizio verrà erogato a sportello, cioè fino ad esaurimento dei posti disponibili. Nel caso i posti venissero esauriti prima della data di chiusura del bando, il bando verrà chiuso anticipatamente.

    Prima di procedere alla compilazione del modulo è fondamentale leggere attentamente tutti i dettagli nel bando QUI e i relativi allegati QUI.

    en_gimedlogo-invitalia

  2. Ciao Gianfri, sapevi amare le persone. Abiterai sempre i nostri cuori

    Leave a Comment

    Ciao Gianfri, era bello starti accanto.

    Offrivi il tuo amore con la spontaneità e l’immediatezza di chi sa amare: come i bambini. Senza vergognarti o pensarci su, perché in te amare era un atto semplice, come dovrebbe essere.

    Entravi subito in un contatto profondo e diretto con l’umanità dell’altro. Sapevi stare nel mistero delle persone, e al contempo, decrittare i loro volti, i gesti, le parole. E poi ti muovevi attorno a loro, come in una danza, in cui ti davi e ti ritraevi, facendo capitomboli, abbracciando, accarezzando, spiazzando con le tue parole fuori dal comune o le tue battute dissacranti. Ma, soprattutto, con i tuoi gesti silenziosi e carichi di significato.

    Anche per questo abitavi e non smetterai di abitare nei cuori di chi hai incontrato.

    Cuori che aprivi, senza mai insistere, con discrezione, con quel tuo accento piemontese e la tua voce gentile, a volte un po’ ritratta. Timorosa di dire troppo, misurata sulla misura dell’altro, ma anche smisurata nel tuo coinvolgimento generoso.

    Tagore diceva che l’amore è l’unica realtà, e che non è un mero sentimento, ma è l’estrema verità nel cuore della creazione.

    Nel cuore sono riposte tutte le nostre esperienze, belle e brutte, di amore e di disamore. E tu lo sapevi.

    La profondità cristallina del tuo avere traccia di tante esperienze era spiazzante. Quando ti stavamo accanto sentivamo che eri stato veramente attraversato dalla vita e che ci avevi giocato quel gioco serio che cresce e matura l’uomo.

    Era bello starti accanto, Gianfri.

    Nei momenti di fatica, quando la vita si aggroviglia, sapere che c’eri era un conforto. Ti disponevi istintivamente all’ascolto. Ea quel punto bastava anche solo uno sguardo, un gesto, un sorriso, un’espressione.

    Quando ti mettevi di traverso, sapevi essere duro, secco, ben poco disposto ad accomodamenti. Ma sapevamo che se lo facevi, era perché non sentivi rispettata quella tua ricerca di verità che è amore, ed è priva di quei fronzoli, di quei diversivi dietro ai quali troppo spesso tutti noi ci affatichiamo, per riempire i nostri vuoti.

    Tu no.

    Tu eri pieno. Di parole, di pensieri, di gioia, di malinconia, di emozioni e sentimenti.

    Denso di poesia, quella bellissima che sapevi scrivere. Senza rumore, con infinita passione.

    Ciao Gianfri, non smetteremo di averti con noi.

  3. Pubblicazione lista di fiducia di esperti per le attività inerenti il Fondo Pia Patini

    Leave a Comment

    A seguito della pubblicazione su questo stesso sito dell’Avviso per la creazione di una lista di fiducia di esperti (ingegneri, architetti, geometri) per supportare l’ufficio tecnico e di progettazione della Fondazione di Comunità, in relazione alle attività da svolgere sull’isola di Salina relative al Fondo Pia Patini, pubblichiamo di seguito la lista, sulla base delle candidature ricevute.

    La lista è disponibile QUI.

  4. “Capacità di accesso” per sconfiggere la diseguaglianza

    Leave a Comment

    Uno studio a cui ha partecipato anche la Fondazione di Comunità di Messina ha simulato dinamiche di mercato per studiare l’evoluzione della distribuzione della ricchezza. Sistemi caratterizzati già dalle prime iterazioni da distribuzioni fortemente diseguali  evolvono verso un progressivo intrappolamento delle stesse dinamiche economiche.

     

    La Fondazione di Comunità di Messina, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Matematiche e Informatiche dell’Università degli Studi di Messina e con il Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Reggio Calabria, ha sviluppato uno studio teorico recentemente pubblicato sulla rivista internazionale Mathematical and Computational Applications con il titolo Market Behavior and Evolution of Wealth Distribution: A Simulation Model Based on Artificial Agents.

     

    Il lavoro, firmato da A. Giunta, G. Giunta, D. Marino e F. Oliveri ha permesso di simulare dinamiche di mercato per studiare l’evoluzione della distribuzione della ricchezza di un modello economico semplice, basato su interazioni casuali, con un numero finito di agenti economici, in grado di scambiare beni/servizi e denaro. Si tratta di un modello micro fondato e predittivo. Nonostante la semplicità delle ipotesi, le simulazioni mostrano un comportamento complesso, realistico e non banale.

    La concentrazione della ricchezza intrappola lo sviluppo

    Il sistema economico virtuale evolve in modo diverso a seconda delle condizioni iniziali di ricchezza degli agenti. Sistemi caratterizzati già dalle prime iterazioni da distribuzioni fortemente diseguali della ricchezza evolvono verso un progressivo intrappolamento delle stesse dinamiche economiche, mostrando un’evoluzione che conduce ineluttabilmente verso configurazioni caratterizzate da pochi agenti attrattori di ricchezza, in contesti diffusi di povertà estrema. Al contrario se il sistema economico è caratterizzato da valori iniziali di stock di ricchezza al di sotto di certi valori caratteristici, che chiamiamo “regione soglia”, le dinamiche economiche evolvono in modo continuativo e gli indicatori di distribuzione della ricchezza oscillano in modo randomico.

    L’analisi della distribuzione della ricchezza degli agenti del modello simulato, nella regione soglia, mostra forme funzionali che riproducono fedelmente i risultati di studi quantitativi empirici finalizzati a misurare le distribuzioni di probabilità della ricchezza nel Regno Unito e negli Stati Uniti (Dragulescu, A.; Yakovenko, V.M. 2020).

    Così come la distribuzione per decili della ricchezza demografica del modello virtuale, nella stessa regione di transizione, si sovrappone in modo suggestivo ai dati reali della ricchezza della popolazione italiana negli ultimi anni forniti dalla Banca d’Italia (anni 1991-2016).

    Un welfare redistributivo lo libera

    I risultati del modello simulato consentono di trarre importanti considerazioni per disegnare politiche efficaci di sviluppo economico e umano e confermano e rafforzano sia le impostazioni generali e le proposte del ForumDD, sia le teorie di programma su cui si fonda l’agire strategico della Fondazione di Comunità di Messina.

    Se il sistema, infatti, anche in presenza di ipotesi che si avvicinano alla concorrenza perfetta, riesce a sviluppare una fase macroscopica, quella che nasce da contesti troppo diseguali, in cui, al procedere delle iterazioni, un numero sempre maggiori di agenti rimane escluso dalle transazioni e il sistema diventa via via più sperequato, ci si aspetta che tali comportamenti saranno rafforzati se si introducono condizioni più vicine alla realtà, in assenza di politiche di welfare correttive multidimensionali e strategicamente mirate (per esempio, introducendo ipotesi di potere di mercato, informazione asimmetrica, interazioni fra primi vicini e, soprattutto, tenendo conto che le diseguaglianze economiche sono fortemente correlate e reciprocamente amplificate dalle diseguaglianze sociali – vedi per esempio Elizabeth Anderson 2017 -, di riconoscimento – vedi per esempio Axel Honneth 2012 – e dal livello di capabilities delle persone – Sen 1999; Giunta et al. 2014).

    Proprio la consapevolezza che le diseguaglianze hanno carattere inscindibilmente multidimensionale, ci suggerisce di re-interpretare la “soglia” analizzata nelle simulazioni appena citate come una capacità di accesso, una sorta di stock di capabilities.

    Da quanto fin qui detto appare chiaro come politiche di welfare finalizzate a redistribuire e/o a creare “depositi” di ricchezza economica, di beni materiali, di beni relazionali, di conoscenza sono da considerare investimenti necessari per garantire, non solo giustizia, ma perfino lo stesso sviluppo economico.

    Insieme alla consapevolezza che la pandemia COVID-19 stia amplificando significativamente e in tempi assai brevi le diseguaglianze, c’è il rischio, assai alto, che nel nostro Paese si strutturino dinamiche destinate a determinare un progressivo intrappolamento della povertà e delle stesse dinamiche economiche: questo ci consegna con chiarezza l’urgenza di potenziare efficaci politiche redistributive.

    Qui di seguito il link da cui scaricare la pubblicazione: https://www.mdpi.com/2297-8747/26/1/12

     

     

  5. Agricoltura sostenibile, bioplastiche e inserimento lavorativo. Con Fondazione Snam

    Leave a Comment

    In questi giorni, a Messina, la Fondazione Snam ha consegnato alla Fondazione Horcynus Orca un terreno in comodato d’uso decennale. L’iniziativa fa parte di un complesso di azioni che prevedono  la realizzazione d’interventi territoriali diffusi economicamente sostenibili e fortemente innovativi sul piano della responsabilità sociale e ambientale finanziati da Fondazione con il Sud  e Fondazione di Comunità di Messina Onlus.

    Su questo terreno la Fondazione Horcynus Orca realizzerà un campo agricolo per favorire l’inserimento di persone svantaggiate. E una infrastruttura educativa sui temi dell’agricoltura sostenibile e del consumo dell’acqua.

    Inoltre, con il sostegno di Fondazione Snam sarà realizzato un impianto di produzione di bioplastiche a partire da rifiuti organici, esperienza pilota per la sperimentazione di forme partecipative di ottimizzazione del metabolismo urbano, dove verranno convogliati anche i rifiuti organici del campo agricolo del Terreno Snam.

    L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto Tesori (Terre Solidali e Reti Inclusive),

    Il progetto fa parte di un complesso di azioni che prevedono  la realizzazione d’interventi territoriali diffusi nella città di Messina, economicamente sostenibili e fortemente innovativi sul piano della responsabilità sociale e ambientale finanziati da Fondazione con il Sud  e Fondazione di Comunità di Messina Onlus.

     

     

  6. Il tempo è ora. Il Forum DD celebra i suoi tre anni con un video

    Leave a Comment

    A tre anni dalla sua nascita, il Forum Disuguaglianze e Diversità, di cui la Fondazione di Comunità di Messina è fra i co-fondatori, racconta in un video l’essenza di un impegno volto a contrastare le crescenti disuguaglianze economiche, sociali e di riconoscimento, esacerbate dal diffondersi della pandemia.

    Poco più di due minuti di video per ribadire con forza come i temi affrontati dal Forum siano ancora, purtroppo, urgenze di estrema attualità: “siamo pronti a continuare ad avanzare proposte per la giustizia sociale e ambientalesi legge sul sito del Forum – e crediamo che oggi con ancora più forza vada ribadito che l’alternativa esiste. E che il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza sia un’occasione irripetibile per disegnare una strategia-paese per l’Italia dei prossimi anni. Per questo chiediamo al Governo che non si chiuda nelle stanze a scrivere il Piano ma si apra al dialogo sociale, l’unica strada perché gli interventi siano costruiti anche attorno ai tanti saperi delle organizzazioni del lavoro, dell’impresa e della cittadinanza attiva e siano così condivisi, spianando la strada alla delicata ma cruciale fase attuativa del Piano. Crediamo che le nostre proposte siano oggi più attuali che mai e lo sono anche grazie alle persone che le hanno lette, discusse, commentate e modificate. E che hanno deciso di lavorare insieme a noi, costruendo salde alleanze”.

    Qui il video

    https://www.youtube.com/watch?v=lCjIVXcqtyE

    Per maggiori informazioni vai a:

    https://www.forumdisuguaglianzediversita.org/

  7. Formazione, coaching e strumenti per imprenditori e aspiranti tali che puntano sulla sostenibilità. Il Bando per partecipare

    Leave a Comment

    La Fondazione di Comunità di Messina lancia un bando rivolto a aspiranti imprenditori
    e imprese già costituite in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna o Sicilia e con un orientamento alla sostenibilità e al bene comune, al fine di supportarli nella creazione di valore ambientale e sociale per l’intera comunità.

    I soggetti selezionati avranno accesso ad un percorso gratuito che include una formazione sui temi dell’imprenditorialità sostenibile e un coaching personalizzato, che li accompagnerà nel rafforzamento dell’attività imprenditoriale e nel reperimento di risorse finanziarie. Verranno a tal proposito presentati diversi strumenti finanziari, come ad esempio servizi di microcredito, equity crowdfunding e alcune misure agevolative gestite da Invitalia, in particolare “Resto al Sud” e “Italia Economia Sociale”. La collaborazione su questa iniziativa si inquadra nell’ambito del Protocollo d’intesa con la “Fondazione con il Sud”.

    Il percorso fornirà a tutti i partecipanti occasioni di incontro e formazione, opportunità di contatti professionali e di scambio di esperienze, possibilità di fundraising, il coinvolgimento in una rete internazionale di imprenditori promotori di una cultura orientata alla sostenibilità ambientale e alla giustizia sociale. Verranno anche organizzati degli incontri con potenziali enti finanziatori, tra cui la stessa Invitalia.

    Infine, le migliori iniziative imprenditoriali che concluderanno il percorso accederanno a un concorso che darà loro la possibilità di aggiudicarsi una sovvenzione pari a 7.500 €, che potrà essere utilizzata per sostenere lo sviluppo della propria impresa.

    Il bando è realizzato in attuazione del progetto europeo Green Impact MED (GIMED), di cui la Fondazione di Comunità di Messina è partner, co-finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma ENI CBC Med.

    Nella promozione del bando e nel processo di scouting territoriale dei beneficiari sono coinvolte le seguenti organizzazioni, che sostengono da sempre nei propri territori di riferimento lo sviluppo di un’imprenditorialità pienamente sostenibile:

    • Fondazione Comunitaria di Agrigento e Trapani
    • Fondazione della Comunità Salernitana Onlus
    • Fondazione di Comunità Val di Noto
    • Fondazione di Comunità San Gennaro Onlus
    • Fondazione di Comunità del Salento
    • Fondazione Incontrocorrente
    • ConTatto Aps

    L’iscrizione al bando avviene esclusivamente online, compilando e inviando, entro le ore 18:00 del giorno 31/05/2021, il modulo di adesione .

    Il servizio verrà erogato a sportello, cioè fino al raggiungimento del numero massimo di partecipanti.

    Prima di procedere alla compilazione del modulo è fondamentale leggere attentamente tutti i dettagli nel bando e negli allegati.

  8. Primula Rossa, il 25 febbraio la proiezione all’Università di Pavia

    Leave a Comment

    Il 25 febbraio dalle 14.00 alle 17.00 Primula Rossa verrà proiettato nel contesto di una lezione con gli specializzandi del Prof. Pierluigi Politi, Professore Ordinario di Psichiatria, Direttore della Scuola di Specializzazione in Psichiatria dell’Università di Pavia e Direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze dell’Azienda socio sanitaria territoriale di Pavia.

    Il film è ispirato alla vera storia di Ezio Rossi, ex terrorista dei NAP (Nuclei Armati Proletari), che ha passato gran parte della sua vita tra il carcere e l’Ospedale Psichiatrico Giudiziario (OPG). Il racconto della vita di Ezio, nella fiction Ennio, interpretato da Salvatore Arena, si intreccia con quella di altri internati dell’OPG e trova una possibilità nell’incontro con lo psichiatra Lucio, interpretato da David Coco. Unendo fiction e documentario, Primula Rossa segue la lotta dello psichiatra, deciso a cercare soluzioni capaci di restituire diritti di cittadinanza a persone deboli ed escluse dalla società.  Le quattro brevi storie di internati sono state scritte e lette in scena dallo psichiatra Angelo Righetti, da sempre impegnato su questo fronte.

    La proiezione verrà preceduta da una breve introduzione e seguita da un dibattito con gli studenti.

    Interverranno (on line):

    • il dottor Gaspare Motta, Dirigente Medico del Dipartimento di Salute Mentale di Messina – Responsabile dell’Unità Operativa “Agenzia di Progetto” dell’Azienda Sanitaria di Messina;
    • Gaetano Giunta, Segretario Generale della Fondazione Comunità di Messina Onlus – Distretto Sociale Evoluto e Presidente dell’Impresa Sociale Microcredito per l’Economia Civile e di Comunione e del Consorzio Europeo delle Banche Etiche, SEFEA;
    • Franco Jannuzzi, regista del lungometraggio Primula Rossa, docente di Filosofia, direttore artistico dell’Horcynus Festival
    • Modera Emanuela Mazza, Docente in Comunicazione Medico-Paziente all’Università Cattolica, Rappresentante Nazionale di EACH – International Association for Communication in Healthcare.

    Con questo evento all’Università di Pavia prendono il via una serie di iniziative previste nel 2021 per la promozione e la condivisione del film in proiezioni pubbliche e private, anche alla luce dei riconoscimenti recentemente ottenuti anche con la partecipazione ad alcuni dei più importanti Festival cinematografici italiani:

    Festival Fuorinorma a cura di Adriano Aprà su MyMovies.

    Cinema delle Terre del Mare Festival (Alghero)

    Festival di Cinema Indipendente (Offagna, Ancona)

    Festival Internazionale del Cinema di Salerno

     

    Per programmare nuove proiezioni nel tuo contesto di riferimento, online e offline (appena possibile), con eventuale dibattito scrivi a distribuzione@primularossailfilm.it

  9. Prorogata la scadenza per la lista di tecnici di fiducia per le attività a Salina

    Leave a Comment

    Nell’ambito della gestione del Fondo Pia Patini a Salina, la Fondazione di Comunità di Messina ha pubblicato in data 28/01/2021 un AVVISO per l’istituzione di una lista di tecnici (ingegneri, architetti, geometri) di fiducia, da cui attingere con criteri fiduciari, per supportare l’ufficio tecnico e di progettazione della Fondazione in relazione alle attività da svolgere sull’isola.

    La scadenza dell’Avviso, inizialmente fissata al 12/02/2021, è prorogata al 28/02/2021. Chi fosse interessato può chiedere di essere iscritto a tale lista seguendo le indicazioni presente nell’AVVISO.

    La domanda dovrà pervenire tramite PEC all’indirizzo fdcmessina@pec.libero.it, o brevi manu presso gli uffici della Fondazione di Comunità di Messina o.n.l.u.s. in Forte Petrazza, località Camaro Superiore, 98151 Messina, entro e non oltre le ore 18:00 del 28 febbraio 2021, indicando in oggetto “Fondo Pia Patini – lista tecnici di fiducia”.

  10. Una lista di tecnici di fiducia per le attività a Salina. Come iscriversi

    Leave a Comment

    Nell’ambito della gestione del Fondo Pia Patini a Salina, la Fondazione di Comunità di Messina intende istituire una lista di tecnici (ingegneri, architetti, geometri) di fiducia, da cui attingere con criteri fiduciari, per supportare l’ufficio tecnico e di progettazione della Fondazione in relazione alle attività da svolgere sull’isola.
    Chi fosse interessato può chiedere di essere iscritto a tale lista seguendo le indicazioni presente nell’AVVISO.

    La domanda dovrà pervenire tramite PEC all’indirizzo fdcmessina@pec.libero.it, o brevi manu presso gli uffici della Fondazione di Comunità di Messina o.n.l.u.s. in Forte Petrazza, località Camaro Superiore, 98151 Messina, entro e non oltre le ore 12,00 del 12 febbraio 2021, indicando in oggetto “Fondo Pia Patini – lista tecnici di fiducia”.