Category Archive: Eventi

  1. Dal 21 al 23 settembre l’Horcynus Lab Festival. Per un modello di sviluppo più equo e sostenibile. Ma non è che l’inizio

    Leave a Comment

    Dal 21 al 23 settembre, al Parco Horcynus Orca di Capo Peloro, torna l’Horcyns Lab Festival, organizzato quest’anno oltre che dalla Fondazione Horcynus Orca e dalla Fondazione di Comunità di Messina, da Assifero, l’Associazione Nazionale delle Fondazioni e degli Enti Filantropici Italiani, REVES, la Rete Europea delle Città e dei Territori per l’Economia Sociale e l’Università degli Studi di Messina e l’Asp di Messina.

    Tre giorni di incontri e seminari, ispirati al termine arabo Ghadaan  (“Domani”) in cui si ragionerà di idee e pratiche, da realizzare o già in corso d’opera, per un modello di sviluppo più equo e sostenibile, da costruire valorizzando i territori e partnership ampie e plurali per realizzare sistemi virtuosi. L’Horcynus Lab Festival si conferma dunque come un appuntamento che pone la ricerca su nuovi paradigmi economici e lo sviluppo di tecnologie innovative per la salvaguardia del pianeta a servizio di programmazioni strategiche che sostengono processi locali di cambiamento. Quest’anno, in particolare, con le sue riflessioni, supporterà l’elaborazione del Piano strategico pluriennale della Fondazione di Comunità di Messina, sempre più laboratorio territoriale di ricerca-azione di metamorfosi possibili, che verrà presentato a Salina, alle Querce di Mamre, nell’aprile 2021 al termine di un ciclo di confronti tematici finalizzati al suo sviluppo che si dipaneranno nell’arco di sei mesi e di cui Ghadaan rappresenta il primo step.

    Ai seminari si può partecipare on line, cliccando sui relativi link.

    Lunedi 21 settembre

    I seminari si apriranno alle 10 con la presentazione della proposta di legge sul budget di salute, alla cui ideazione la Fondazione di Comunità di Messina ha fornito un contributo decisivo anche grazie all’esperienza maturata con il progetto Luce è Liberta, attraverso il quale 55 ex internati nell’ospedale psichiatrico di Barcellona Pozzo di Gotto sono stati reinseriti, con progetti individualizzati, nella vita sociale e lavorativa. Liliana Leone, (centro studi Cevas), presenterà alcuni risultati del progetto a durata ventennale (2009-2029) in corso di pubblicazione sulla rivista internazionale Alter–European Journal on Disability Research. Parteciperanno, fra gli altri, Celeste D’Arrando, deputata, prima firmataria della pdl, Franco Rotelli, già Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria di Trieste ed ex Presidente della Commissione Sanità e Politiche Sociali della Regione Friuli Venezia Giulia, Valentina Zafarana, deputata della Regione Siciliana, Angelo Righetti, Comitato Scientifico della Fondazione di Comunità di Messina e Kip International School. Concluderà i lavori  Sandra Zampa, sottosegretario al Ministero della Salute. 

    Qui il link per partecipare on line alla sessione del mattino

    https://zoom.us/webinar/register/WN_In8ERu7YSV66a9TKd-O_EA

    I lavori riprenderanno alle 14 con gli interventi di Carola Carazzone, segretario generale di Assifero (Associazione italiana delle Fondazioni e degli Enti della Filantropia istituzionale)  e di James Magowan, codirettore dell’European Community Fundation Iniziative, che promuove le fondazioni comunitarie in Europa.

    Proseguiranno alle 15.30 con Gaetano Giunta, segretario generale della Fondazione di Comunità di Messina, che presenterà i punti fondamentali del Piano strategico della Fondazione.

    Alle 16 è previsto l’intervento dell’ex Ministro della Coesione Territoriale, già presidente del Comitato per le politiche territoriali dell’Ocse e fondatore del Forum Diseguaglianze Diversità Fabrizio Barca: un ragionamento sulle connessioni degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Onu (SGDs) e le proposte del ForumDD. Subito dopo, a Fabrizio Barca verrà assegnato l’annuale premio Horcynus Orca.

    Alle 17  Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione Con il Sud,  parlerà di sistemi socioeconomici per lo sviluppo umano sostenibile del Sud.

    Dalle 17.30  alle 18 e 30 chiuderanno la prima giornata, discutendo di “Un futuro più gusto”, a partire dai temi trattati nell’ultimo volume curato da Fabrizio Barca e Patrizia Luongo uscito per i tipi del Mulino: Fabrizio Barca, Michele Maria D’Ercole, Dirigente della Agenzia per la Coesione Territoriale, Luigi Martignetti, segretario generale della rete europea Reves, Stefania Mancini, vice presidente di Assifero. In serata sarà proiettato Capacity, documentario sul’omonimo progetto di riqualificazione urbana di alcune baraccopoli storiche di Messina, che ha come partner strategico la Fondazione di Comunità di Messina.

    Qui il link per partecipare alla sessione del pomeriggio

    https://zoom.us/webinar/register/WN_uPJKBxAaSiGqwNDSxjCmJg

    Martedì 22 settembre

    Dalle 9.00 alle 16.00 Felice Scalvini e Carola Carazzone, rispettivamente presidente e segretario generale di Assifero, coordineranno un workshop dedicato alle Fondazioni di Comunità Italiane, organizzato in collaborazione con European Community Fundation Iniziative (Ecfi), Assifero e AsVis (l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile). Nel laboratorio interattivo si ragionerà su perché e in che modo le Fondazioni di Comunità possono ispirarsi nel proprio agire gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Onu  (SDGs). 

     Mercoledì 23 settembre

    “Web Finanza per lo sviluppo sostenibile e strumenti di assessment multicriteriali” è il tema del seminario conclusivo della tre giorni dedicato al micredito. Nel corso dell’incontro sarà presentato e discusso l’innovativo sistema multicriteriale per la misurazione del rating dei potenziali beneficiari della MECC (Microcredito per l’Economia Civile e di Comunione, spin off della Fondazione della Comunità di Messina) e come tale metodologia di assessment si correla alla policy antiriciclaggio.

    Aprirà i lavori Stanislao di Piazza, sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Fra i partecipanti, oltre a Gaetano Giunta, segretario generale della Fondazione di Comunità di Messina e presidente della MECC S.C. Impresa Sociale, Giacomo Pinaffo, project manager della Fondazione di Comunità di Messina; Vincenzo Durante, Responsabile dell’Area “Occupazione” di Invitalia. 

    Qui il link per partecipare alla sessione del 23 settembre

    https://zoom.us/webinar/register/WN_BF1e9bWhRmONW7fsddsAtA

    “Forme di urbanizzazione incontrollate, aumento drammatico delle diseguaglianze, distruzione delle risorse naturali e socio-relazionali e uno sconvolgimento climatico epocale: è questo il frutto del paradigma socio-economico dominante, basato su approcci utilitaristici, in un contesto di globalizzazione e di concentrazione del governo dei processi economico-finanziari e tecnologici” sottolinea Gaetano Giunta, segretario generale della Fondazione di Comunità di Messina. “È urgente promuovere una vera e propria metamorfosi sperimentando processi di trasformazione del pensiero e delle pratiche socio-economiche, delle forme di istruzione e conoscenza, delle politiche energetiche, dei modelli di produzione e consumo e di governance. Anche – conclude – restituendo centralità ai territori e costruendo veri e propri sistemi virtuosi caratterizzati da partenariati plurali, aperti alla condivisione e agli scambi internazionali”.

    Nota: Sulla base del protocollo Covid-19 i posti in presenza sono esauriti. Si può assistere on line, cliccando sui link indicati

    Scarica il programma integrale del 21/22/23 settembre che include gli appuntamenti successivi dell’Horcynus Lab Fest 👇

    Programma A4_TOT

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

  2. “Messina Terra Futura”, incontro con i candidati sindaco

    Leave a Comment

    La Fondazione di Comunità di Messina onlus organizza lunedì 28 maggio, alle 17.30 presso la Chiesa di Santa Maria Alemanna, l’incontro intitolato “Messina Terra Futura” ed invita a partecipare i candidati sindaco a cui presenterà le iniziative sociali, culturali, di economia solidale, di democrazia partecipativa, di ricerca e sviluppo, di alta formazione e di finanza etica che ad oggi auto-finanzia.

    L’incontro sarà l’occasione per discutere la necessaria metamorfosi dei paradigmi socio-economici, culturali, di riqualificazione ambientale e urbana imposta dalla frammentazione e dalle estreme disuguaglianze sociali che caratterizzano la città di Messina.

  3. Festa della legalità al Parco Sociale di Forte Petrazza

    Leave a Comment

    Sabato 19 marzo a partire dalle ore 10.00, in preparazione della XXI giornata della Memoria e dell’Impegno, il presidio messinese di Libera “Nino e Ida Agostino”, insieme alle realtà sociali che animano il Parco Sociale di Forte Petrazza, invitano la cittadinanza alla festa di intitolazione del Giardino della Memoria in onore di tutte le vittime innocenti delle mafie.

    L’evento, a ingresso libero, sarà anche l’occasione per presentare le esperienze di cooperazione sociale, di economia civile, di ricerca intorno ai temi della dignità, della libertà e dell’uguaglianza che in Forte Petrazza hanno trovato casa.

    L’ex fortino militare ottocentesco, abusivamente occupato dalla criminalità locale fino agli anni Ottanta, si propone oggi come un luogo in cui convivono e si contaminano saperi del fare e del mettere in relazione. Cooperative di inserimento lavorativo aderenti al Consorzio Sol.E. gestiscono i servizi del Parco, sede operativa del Distretto Sociale Evoluto – Fondazione di Comunità di Messina, del Gruppo di Acquisto Solidale EcoGAStronomia e del ristorante a chilometro zero VerdePetrazza.

    Non a caso, anche EcoGAStronomia e VerdePetrazza saranno i protagonisti della giornata, che alternerà momenti di riflessione, musica, mercatino e degustazione dei prodotti “buoni, puliti e giusti” del gruppo di acquisto solidale.

    “Accanto a Libera – sottolinea Salvatore Rizzo presidente del Consorzio SOL.E. – ci riconosciamo co-responsabili nell’impegno a favore della legalità e della giustizia sociale nella nostra città. In preparazione della XXI giornata della Memoria, in programma a Messina il 21 marzo, l’intitolazione del giardino del Parco Sociale di Forte Petrazza alle vittime innocenti di mafia è un altro segno dell’impegno e del lavoro quotidiano nelle tante esperienze di cooperazione sociale e di produzione e ricerca artistica e culturale intorno ai temi della dignità, della libertà e dell’uguaglianza di ciascuno e di tutti. Vogliamo condividere questa festa con quanti nella nostra città e altrove condividono queste idealità capaci di generare pratiche di democrazia”.