Primula Rossa, dal 30 maggio al cinema

Tra fiction e documentario, la storia di Ezio Rossi, ex terrorista dei Nuclei Armati Proletari e internato psichiatrico, e il racconto dell’innovativo progetto che ha permesso di liberare decine di persone dall’Ospedale Psichiatrico di Barcellona Pozzo di Gotto.

È nelle sale cinematografiche da giovedì 30 maggio Primula rossa, un film di Franco Jannuzzi.
Ispirato alla vera storia di Ezio Rossi, ex terrorista dei Nuclei Armati Proletari che ha passato gran parte della sua esistenza tra carcere e Ospedale Psichiatrico Giudiziario, il film ne racconta la vita. Unendo fiction e documentario, Primula rossa intreccia la vicenda di Ezio (Ennio nel film) con quelle di altri internati dell’OPG e con quella dello psichiatra Lucio, che lotta per cercare soluzioni che restituiscano diritti di cittadinanza a persone deboli ed escluse dalla società. Molti ex-internati hanno tra l’altro partecipato alla realizzazione del film. Tra gli attori Roberto Herlitzka.

Spiega il regista Franco Jannuzzi: «Con questo film vogliamo valorizzare un programma fortemente innovativo di welfare comunitario, “Luce è libertà”, grazie a cui si sono potute liberare sessanta persone dall’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Barcellona Pozzo di Gottotra cui lo stesso Ezio, attraverso progetti personalizzati di espansione delle libertà individuali».

Aggiunge Gaetano Giunta, segretario generale della Fondazione di Comunità di Messina, produzione e distribuzione del film insieme a Ecosmedia: «Primula Rossa è l’occasione per ripercorrere quarant’anni di storia: dagli anni di piombo fino all’attualissima questione sul superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari. Quarant’anni di snodi cruciali per l’Italia, visti dalla prospettiva degli ultimi. Le storie di persone così radicalmente escluse reclamano nuovi orizzonti economico-sociali più umani, capaci di prendersi cura e accompagnare le metamorfosi possibili di ogni individuo. Il film si pone le stesse domande su cui da anni ricerca e sperimenta la Fondazione di Comunità di Messina».

Alla lavorazione di Primula Rossa hanno partecipato molti collaboratori della Fondazione di Comunità e della Fondazione Horcynus Orca. Il film è stato girato nell’area dello Stretto di Messina, nei luoghi del Distretto Sociale Evoluto. Coerentemente con la scelta di impegno civile della produzione, gli incassi del film saranno destinati a sostenere i progetti evoluti di lotta alla povertà della Fondazione di Comunità di Messina e in particolare a sostenere i progetti personalizzati di liberazione degli ex internati dell’Ospedale Psichiatrico di Barcellona Pozzo di Gotto.

Primula Rossa è una coproduzione Radical Plans di Haider Rashid, Fondazione di Comunità di Messina Onlus, Fondazione Horcynus Orca, Ecosmed, realizzato nell’ambito del Progetto Sensi Contemporanei Cinema – Sicilia Film Commission. La produzione del film è in collaborazione con Fondazione con il SUD, Ecosmedia Srls, Talento Dinamico, Mana Chuma Associazione Artistica.
Tutte le altre informazioni sul film sul sito internet http://primularossailfilm.it/

News

L’Horcynus Festival anche a Mirabella Imbaccari

26 luglio 2019

Dopo 15 giorni di eventi a Messina, a partire dal 6 agosto l’Horcynus Festival si trasferisce a Mirabella Imbaccari. Metamorfosi, questo il titolo e il tema della XVII edizione del Festival, organizzato come sempre della Fondazione Horcynus Orca e della Fondazione di Comunità di Messina, quest’anno in collaborazione con l’Ambasciata di Spagna in Italia – la Spagna è il paese ospite del Festival 2019 […]

VAI ALL'ARTICOLO

Horcynus Festival 2019, Spagna paese ospite, ecco gli appuntamenti fino a settembre (all’interno il programma)

Dal 30 maggio alla fine di settembre 2019, tra Messina e Mirabella Imbaccari (CT), cinema, musica, teatro, arte contemporanea, tre summer school e seminari tematici animano Metamorfosi, l’edizione 2019 dell’Horcynus Festival, organizzato come sempre della Fondazione Horcynus Orca e della Fondazione di Comunità di Messina, quest’anno in collaborazione con l’Ambasciata di Spagna in Italia – […]

VAI ALL'ARTICOLO